Oggi parliamo di gin

Gin lemon. Gin tonic. Negroni. Quasi impossibile non aver assaggiato almeno uno di questi tre cocktail nella vita.

Cosa hanno in comune? Il gin, ovviamente.

Distillato agricolo (cioè: l’alcol non può essere di sintesi), il gin prende il suo nome dall’ingrediente che, per legge, deve necessariamente contenere: il ginepro, di cui si utilizzano le bacche.

Il gin deve infatti i suoi particolari profumi e sapori dall’uso delle cosiddette botaniche: un insieme di erbe, radici, spezie e altri prodotti naturali in grado di infondere il loro aroma al distillato, tra cui il ginepro è l’indiscusso protagonista che, sempre per legge, deve essere predominante nel prodotto finale.

Il gin può contenere, oltre al ginepro, uno svariato numero di botaniche, che solitamente oscillano tra poche unità fino a qualche decina (alcuni gin in commercio “vantano” l’utilizzo di oltre 40 diverse botaniche). I principi aromatici possono essere rilasciati per infusione, per macerazione, entrando a contatto coi vapori della distillazione, o persino venendo distillati a freddo col gin stesso, grazie al controllo della pressione in produzione.

Quali sono le botaniche principali? Assieme al ginepro, la lista è lunga e variopinta… Quelli citati ovunque sono:

  • Semi di coriandolo
  • Iris germanica
  • Angelica (la radice)

Ma accanto a questi pilastri si aggiungono cardamomo, coriandolo, fiori di sambuco, menta, pepe (diverse qualità), timo, mirto, liquirizia, mandorle, cetriolo, zenzero, cannella, zafferano, agrumi (scorze)… E persino alghe.

Come si produce quindi il gin?

Il gin può essere prodotto in diversi modi (e li vedremo in dettaglio in articoli dedicati). I principali sono per distillazione discontinua in alambicchi pot still e per distillazione continua in alambicchi a colonna.

Nel primo caso si tenderà ad usare una base di origine cerealicola (come per il whisky), e spesso si avrà una seconda distillazione del prodotto già aromatizzato, con possibile aggiunta di nuove botaniche.

I gin così ottenuti saranno più concentrati ed intensi e spesso vengono invecchiati in botte.

Nel secondo caso la base del gin, pur sempre agricola, spesso non verrà da cereali ma da altri prodotti (come patate o zucchero di canna), da cui si ottiene un prodotto ad alta gradazione alcolica che verrà poi nuovamente distillato in alambicchi pot still assieme alle botaniche.

Il gin così ottenuto sarà normalmente più leggero dal punto di vista aromatico.

Infine, il gin può essere prodotto per aggiunta di aromi ed altre sostanze ad alcol alimentare (sempre di origine agricola), senza che avvenga distillazione. In questo caso viene definito “Compound gin”.

In ogni caso, il gin prima di essere imbottigliato deve avere almeno 37.5% volumi in alcol.

E quali sono le sue tipologie? Vediamone alcune.

Plymouth gin

È un normale gin distillato che può essere prodotto esclusivamente, appunto, a Plymouth.

London gin

Nonostante il nome, questo gin può essere prodotto ovunque nel mondo (per differenziarsi gli inglesi hanno infatti creato la denominazione “british london gin”).

In questo gin, nessuna sostanza aromatica od alcolica può essere aggiunta dopo la distillazione: in altre parole, una volta distillato il gin è pronto e può essere al massimo diluito con acqua per ridurre la gradazione alcolica. Questa tipologia può anche essere definita “dry”.

Old Tom Gin

Preparato come il London Gin, è la sua versione dolce. Oggi tale dolcezza è dovuta all’aggiunta di zuccheri, in epoca vittoriana alla scelta di botaniche come semi di finocchio e liquirizia. Deve il suo nome al famoso cocktail Tom Collins di cui è l’ingrediente principale.

Sloe Gin

È un liquore a base di gin, il cui ingrediente principale sono le prugnole (e talvolta il loro succo). La sua gradazione minima è del 25% di volumi in alcol.

Cask gin

Gin che viene affinato in botte, non più di un anno. Questi gin sono resi più rotondi dall’effetto del legno.

Queste, ovviamente, sono solo alcune delle molte tipologie di gin che vedremo assieme, continua a seguirci nel nostro viaggio alla scoperta del mondo degli spirits!

Condividi:

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on pinterest
Pinterest
Share on linkedin
LinkedIn

Seguiteci

I post più popolari

Stay tuned!

Iscriviti alla nostra newsletter

Nessuno spam, nessun dato fornito a servizi di terze parti.

On Key

Ti potrebbero interessare anche:

À la moda vègia! La rivisitazione del cocktail più venduto al mondo

“À la moda vègia”, alla vecchia maniera, old fashioned.Ho creato questo cocktail ispirandomi alla storia del whisky Eddu, distillato bretone ideato e prodotto da una famiglia locale che utilizza prodotti del territorio.La loro avventura nasce distillando sidro, prodotto tipico della Bretagna, ma successivamente la Distillerie des Menhirs decide di produrre anche whisky utilizzando grano saraceno,

Questione di botti

Se guardo l’etichetta sulla bottiglia di whisky che ho davanti a me (è sempre bene avere accanto una bottiglia di whisky, quando si scrive di whisky), leggo: “CASK: Bourbon, Oloroso, PX, Stout finish.” Un sacco di botti! Le domande già si affacciano: come mai così tante? Servono tutte? Cosa apportano al whisky? Scopriamolo insieme. Il

Whisky: produzione e distillazione discontinua

Abbiamo visto in un articolo precedente cosa sia il whisky, da cosa si produce e cosa influenza il costo di una bottiglia. Ma come viene prodotto il whisky? Scopriamolo insieme, buona lettura! Sappiamo che il whisky è un distillato da cereale, commercializzato con un tenore alcolico superiore al 40%. Ma come si ottiene l’alcol da

Il CosmoGINpolitan: un drink fresco e facile da preparare

Come suggerisce il nome, questo cocktail si ispira al classico e famoso Cosmopolitan, drink di grande successo negli anni 70/80 che sta tornando prepotentemente di moda. Le origini di questo cocktail sono piuttosto incerte, l’unica sicurezza è l’anno della creazione: 1958. Nato come alternativa al classico Martini dry, il Cosmopolitan è un drink dolce dal

Torna su