Il CosmoGINpolitan

Come suggerisce il nome, questo cocktail si ispira al classico e famoso Cosmopolitan, drink di grande successo negli anni 70/80 che sta tornando prepotentemente di moda.

Le origini di questo cocktail sono piuttosto incerte, l’unica sicurezza è l’anno della creazione: 1958. Nato come alternativa al classico Martini dry, il Cosmopolitan è un drink dolce dal colore rosa, coi sentori agrumati del Cointreau e della vodka al limone.

Nel nostro CosmoGINpolitan vodka e Cointreau lasciano il posto a gin al limone e Amaro Amara, che lo arricchiscono di sapori e profumi.

Il gin ha senza dubbio un bagaglio organolettico molto più ampio rispetto alla vodka, quello che andremo ad usare noi in particolare è il Citrus Gin di Fary Lochan, distilleria danese che ha la peculiarità di usare l’ortica nella produzione dei suoi distillati: per affumicare i whisky e come botanica per i gin.

Ecco la ricetta del CosmoGINpolitan:

• 4cl Fary Lochan Citrus Gin
Gin che oltre agli aromi delle botaniche classiche presenta fresche note di lime e limone.

• 2cl Amaro Amara
Liquore siciliano ottenuto da arance rosse, profuma di agrumi e erbe aromatiche, ha un gusto fresco e amaricante.

• 3cl succo di cranberry o mirtillo

• 1cl succo di lime

Preparazione:

  • Mettere tutti gli ingredienti in uno shaker con abbondante ghiaccio;
  • Shakerare energicamente per 8/10 secondi;
  • Filtrare con un passino da cucina per togliere ogni residuo di ghiaccio;
  • Servire in una coppetta da cocktail fredda e senza ghiaccio;
  • Decorare con una ciliegia sotto spirito o una fetta di lime.

Il risultato sarà un cocktail dolce fresco e dissetante, perfetto da bere a fine pasto, anche accompagnato da biscotti o pasticcini.

Il Cosmopolitan viene spesso definito come un cocktail “femminile” (non a caso appare nel film Sex and The City), dai i gusti dolci, leggeri e delicati, contrapposti a quelli “maschili” più secchi e decisi.

Con il CosmoGINpolitan ho provato a creare un drink “unisex” mantenendo la dolcezza, bilanciata però dai sentori speziati ed erbacei del gin e dell’amaro.

Ho studiato un drink facile da preparare anche a casa: basta attrezzarsi di uno shaker e di un misurino.

Ideale per fare bella figura con gli ospiti, il CosmoGINpolitan non ha un’alta gradazione alcolica e il succo di cranberry, con la sua dolcezza, lo rende morbido e facilmente bevibile. Se non siete abituati al gusto dell’alcol potete comunque aumentare la quantità di succo di uno o due centilitri e ridurre quella del gin: il cocktail manterrà i suoi sapori base e sarà più dolce e beverino.

Spero di avervi incuriosito e di essere stato utile a chi, come me, è sempre alla ricerca di qualcosa di nuovo da sperimentare!

Buona miscelazione a tutti!

Al prossimo cocktail,

Simone Albano

Condividi:

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on pinterest
Pinterest
Share on linkedin
LinkedIn

Seguiteci

I post più popolari

Stay tuned!

Iscriviti alla nostra newsletter

Nessuno spam, nessun dato fornito a servizi di terze parti.

On Key

Ti potrebbero interessare anche:

Whisky: produzione e distillazione discontinua

Abbiamo visto in un articolo precedente cosa sia il whisky, da cosa si produce e cosa influenza il costo di una bottiglia. Ma come viene prodotto il whisky? Scopriamolo insieme, buona lettura! Sappiamo che il whisky è un distillato da cereale, commercializzato con un tenore alcolico superiore al 40%. Ma come si ottiene l’alcol da

Il CosmoGINpolitan

Come suggerisce il nome, questo cocktail si ispira al classico e famoso Cosmopolitan, drink di grande successo negli anni 70/80 che sta tornando prepotentemente di moda. Le origini di questo cocktail sono piuttosto incerte, l’unica sicurezza è l’anno della creazione: 1958. Nato come alternativa al classico Martini dry, il Cosmopolitan è un drink dolce dal

Voglia di ginepro, e di tante coccole.

Pianta delle Cupressacee (come i cipressi, ma anche le sequoie), sotto il termine ginepro si celano in realtà quasi 70 tipi di questa pianta, di cui solo pochi edibili ed ancora meno adatti alla produzione di gin. Di dimensioni molto variabili, il ginepro può presentarsi come un arbusto di appena 1 m (Juniperus communis, il

Angel’s share

Perché i distillati costano così tanto? E perché più invecchiano più sono cari? Certo, una delle spiegazioni più ovvie è: tenere un prodotto fermo per anni, aspettando che maturi, è un investimento che va ripagato. E poi ci sono i rischi: se una botte perde o si rompe? Non si ha più nulla in mano!

Torna su